Analisi e Programmazione Economica (APE)

L’ assistente sociale è un professionista che analizza e valuta domande e bisogni delle persone che si rivolgono al servizio per cui lavora e aiuta a formulare un piano d’azione che permette di superare la sua condizione di bisogno. L’assistente sociale può intervenire in supporto a persone singole ma anche a gruppi sociali più ampi (famiglie, quartieri o istituti scolastici, etc.). L’ assistente sociale specialista programma e gestisce gli interventi specifici da realizzare in ambito sociale nel proprio territorio.
Qui sotto un video che introduce il Master in Servizio Sociale in Ambiti Complessi dell’Università di Verona.


In che modo lo studio dell’economia può aiutare un assistente sociale?
Comprendere come funziona la macchina economica: l’economia influisce profondamente sulla vita quotidiana di ciascuno di noi. L’economia e il suo stato di “salute” influenza cosa studiamo, cosa compriamo, che lavoro facciamo, le tasse che paghiamo, i servizi che ci vengono erogati.
Utilizzo delle risorse: abbiamo bisogni illimitati ma le risorse necessarie per soddisfare questi bisogni sono limitate.  L’economia studia come queste risorse sono (o come dovrebbero essere) allocate.
Sviluppo economico: l’economia ha l’obiettivo di massimizzare il benessere della società e, proprio per questo, è propedeutica al lavoro dell’assistente sociale cioè allo sviluppo complessivo della comunità e la sua valorizzazione dal punto di vista economico e sociale.
Studio dei fattori socio-economici: lo studio dell’economica consente a un assistente sociale di identificare e comprendere le cause socioeconomiche che promuovono o ritardano la crescita economica della comunità.  Inoltre, l’economia permette di spiegare l’origine delle disuguaglianze (di reddito, di salute, sociali, etc.) che osserviamo nella nostra società.
Affrontare le conseguenze dei cambiamenti economici: il rapido cambiamento del contesto economico crea molti problemi e sfide sociali come inquinamento, disgregazione familiare, corruzione, crimini, etc. Lo studio dell’economia aiuta l’assistente sociale a prevede questi cambiamenti e le loro conseguenze.
Fissare le priorità: Date le possibilità di produzione di beni e servizi, i decisori pubblici e privati devono scegliere tra necessità e lussi, tra beni pubblici e privati, o tra consumo e investimento.  Un assistente sociale che abbia una buona conoscenza economica può contribuire a promuovere e fissare le priorità di azione.
Gestione dei conflitti: Una delle principali sfide del sistema economico è il conflitto tra datore di lavoro (o management) e lavoratori.  La produzione efficiente è l’obiettivo di qualsiasi attività economica, ma questo obiettivo non può essere raggiunto senza la piena collaborazione dei lavoratori.  Quindi l’assistente sociale che ha una buona conoscenza dell’economia, può contribuire a gestire e risolvere i conflitti nel modo del lavoro. Lo studio dell’economia fornisce all’assistente sociale uno strumento pratico per analizzare e comprendere le scelte individuali e strategiche.


Questo corso ha l’ambizione di sviluppare quelle soft skills necessarie al lavoro quotidiano di un assistente sociale:
1) Capacità relazionali e propensione all’ascolto.  Lo studente parteciperà a discussioni in classe, confronto fra opinioni diverse e dovrà dare puntuali feedback ai compagni.
2) Flessibilità, apertura mentale, curiosità. Lo studente dovrà leggere articoli contro intuitivi e che favoriranno la riflessione e la formulazione di nuove soluzioni.
3) Capacità analitiche, decisionali e di problem-solving. Lo studente svolgerà esercizi e attività didattiche che richiederanno la preparazione di soluzioni complesse da formulare in tempi stretti.
4) Lavoro di squadra e capacità di leadership. Lo studente parteciperà ad attività di gruppo e dovrà monitorare lo svolgimento e i progressi di tali attività.
5) Ottimismo, entusiasmo, positività. Allo studente verrà richiesto di partecipare attivamente alla lezione e alla discussione portando il proprio contributo.
6) Abilità comunicative e competenze linguistiche. Lo studente dovrà comunicare in modo chiaro e sicuro, sia in forma orale che scritta. Inoltre, visto che società sempre più multiculturali, richiedono, da parte dei professionisti, la padronanza, almeno, dell’inglese svolgeremo alcune attività in lingue inglese.